Esche artificiali: L’abc dei metal jig


L’articolo di oggi appartenente alla sezione abc della pesca, servirà a fare chiarezza per lo più a chi si sta avvicinando allo Shore Jigging, su quali sono i long jig, short jig ecc.

Questo articolo potrà sembrare banale alla maggior parte di voi, ma è bene parlare anche delle cose più basilari, in modo da rendere tutto molto chiaro a chi si sta avvicinando allo Shore Jigging, dato che chi non è molto pratico, fa presto a confondersi quando si parla di long jig, short jig e distribuzione del peso, quindi vedremmo in maniera generale le varie differenze tra i casting jig presenti in commercio.

Long Jig:

I long jig possiedono un corpo allungato e snello, questi jig in genere oppongono molta meno resistenza sulla sbacchettata rispetto agli short jig.
Come possiamo vedere in foto, possiamo trovare in commercio casting jig con una distribuzione del peso “equa” su tutto il corpo come nel caso del primo jig.
Nelle foto successive invece possiamo vedere, prima un jig con distribuzione del peso maggiormente concentrata in coda, e nella terza foto un jig con la distribuzione del peso maggiormente concentrata in testa.

Short Jig:

Gli short jig possiedono un corpo corto tozzo, generalmente oppongono più resistenza sulla sbacchettata rispetto ai long jig.
Come possiamo vedere in foto, il primo in alto ha la distribuzione del peso maggiormente concentrato in testa, il secondo apparentemente ha la distribuzione del peso maggiormente concentrato in testa, ma in realtà, ha una distribuzione del peso equa, uguale sia in testa che in coda.
E per ultimo troviamo un jig con distribuzione del peso maggiormente concentrata in coda.

Slow Jig:

Anche in Italia sta prendendo piede l’utilizzo di jig da slow pitch, come quelli utilizzati in barca, ma ovviamente con grammature adatte all’utilizzo da terra.
Sono dei jig che “dovrebbero” avere una caduta più o meno lenta, con un ‘effetto che ricorda una foglia che cade da un albero, sbandando lentamente da destra a sinistra, questo movimento viene definito leaf, che in Italiano significa foglia.
Questi jig generalmente hanno una distribuzione del peso “equa” su tutto il corpo, sono per lo più corti come forma, e il corpo è largo e piatto.

Altre tipologie di “jig”:

Come gia accennato nell’articolo “I jig (non) sono tutti uguali“, esistono in commercio anche jig rivestiti in resina o materili simili, e parliamo dei primi due jig in foto.
Questi jig possono appartenere sia alla categoria degli short jig, e sia alla categoria dei long jig.
La resina può avere uno strato fine, o molto spesso, in modo da aumentare il volume del jig, di conseguenza aumenterà anche il coefficente d’attrito così da ottenere una caduta più lenta se paragonata allo stesso jig costruito solo in metallo (alcune aziende Asiatiche propongono lo stesso jig, sia con corpo in metallo, sia rivestito in resina).
L’ultimo in basso invece, non è un vero e proprio “casting jig”, o “metal jig”, ma vengono sempre più impiegati nella tecnica dello Shore Jigging.

Ovviamente esistono moltissime altre varianti, e il discorso riguardante la forma, la distribuzione del peso e i materiali è molto complesso nel totale, ma ne parleremo articolo dopo articolo, in modo da poter togliere ogni genere di dubbio a riguardo.

Simone HiraMahi Aprile

Simone Aprile, classe '87, nato a Pisa, vive attualmente in provincia di Messina; è un pescatore sportivo, da sempre amante del mare e appassionato di pesca con le esche artificiali, handmade e fotografia. Inoltre è un lurebuilder e appassionato sfegatato di tutto ciò che ruota intorno alla costruzione fatta a mano di esche artificiali, dai materiali, alle esche finite realizzate da altri costruttori. Nel 2013 ha creato "Shore Jigging Italia" un sito internet contenente articoli di carattere informativo riguardo questa fantastica tecnica di pesca, poi assorbito e sostituito nel 2018 da "HiraMahi.it", che è stato creato per raccontare se stesso, le sue passioni e le sue attività attraverso articoli scritti e video, oltre a creare Blog & Vlog con tutorial, recensioni, interviste e news.

Lascia un commento