Che specie di pesce è possibile insidiare con la tecnica dello shore jigging?

Quali sono i pesci che possiamo insidiare con la tecnica dello Shore Jigging??? Ecco un breve articolo, che in liena di massima vi servirà per farvene un’indea.

A parer mio possiamo stilare una lista che più o meno, bene o male può andar bene se parliamo di pesci insidiabili regolarmente, ma ogni battuta di pesca fatta con la tecnica dello Shore Jigging può riservare grandissime sorprese.
Generalmente si possono catturare le palamite che se sono in caccia si possono catturare molto facilmente in quanto per allamarle non è richiesto un grande impegno, esperienza o recuperi particolari.
Anche i tombarelli e alletterati specie se di piccole dimenzioni possono essere relativamente catturati facilmente.
In alcuni periodi anche i tonni rossi piccoli sono facilmente catturabili anche da terra, ma è molto importante saperli riconoscere e slamarli con cura direttamente in acqua ed effettuare immediatamente il rilascio.
Sempre parlando di tonni rossi può anche capitarvi il big, e li c’è poco da fare…
Le lampughe sono pesci spettacolari da catturare, sia per il loro colore appena tirate fuori dall’acqua, sia per lo spettacolare combattimento che ci riserveranno. Sono pesci molto potenti ma durante il combattimento le probabilitá di slamarle sono molto alte, specie durante i loro salti fuori dall’acqua molto spettacolari.
La cernia è un’altra cattura molto bella da fare a Shore Jigging, e ovviamente il dentice e il dentice corrazziere non potevamo non nominarli.
Altro pesce degno di nota, ma che nei nostri mari non diventa molto grande è il carango, pesce molto bello e soprattutto combattivo.
Andiamo a parlare del pesce simbolo dello Shore Jigging, la tanto ricercata ricciola, un pesce potentissimo, che, se di grossa taglia, ci riserverá un combattimento estremamente impegnativo.
Durante le nostre battute di pesca potremmo imbatterci in catture molto belle e anche inaspettate, come ad esempio delle bellissime gallinelle, o potrebbero anche capitare, come è successo alcune volte in area portuale, di catturare occhiate e saraghi di discrete dimenzioni.
Anche le spigole, piccole lecce amia e stella, aluzzi e pesci sciabola possono abboccare con questa tecnica.

Oltre a quelli nominati ci sono ovviamente anche altre specie di pesci che possono essere catturati…

Come possiamo vedere i casting jig ci consentono di catturare moltissime tipologie di pesci…
Più ci pesco e più penso che hanno un potenziale catturante quasi infinito…
Jig, esche senza un nuoto, senza un senso logico a detta di molti, ma che se saputi utilizzare ci regaleranno moltissime soddisfazioni!!!


Crediti foto: Tony Ludovico
Link sito internet

 

Simone HiraMahi Aprile

Simone Aprile, classe '87, nato a Pisa, vive attualmente in provincia di Messina; è un pescatore sportivo, da sempre amante del mare e appassionato di pesca con le esche artificiali, handmade e fotografia. Inoltre è un lurebuilder e appassionato sfegatato di tutto ciò che ruota intorno alla costruzione fatta a mano di esche artificiali, dai materiali, alle esche finite realizzate da altri costruttori. Nel 2013 ha creato "Shore Jigging Italia" un sito internet contenente articoli di carattere informativo riguardo questa fantastica tecnica di pesca, poi assorbito e sostituito nel 2018 da "HiraMahi.it", che è stato creato per raccontare se stesso, le sue passioni e le sue attività attraverso articoli scritti e video, oltre a creare Blog & Vlog con tutorial, recensioni, interviste e news.

Lascia un commento