Esche artificiali: Cultiva KNI

 


L’articolo di oggi è dedicato ad un altro celebre jig di casa Cultiva, il Kni.

Da non confondere con il Gekito, che hanno colorazioni indentiche ma con differenze sostanziali.
Infatti cambia la distribuzione del peso, quella del KNI ha peso distribuito maggiormente nella parte posteriore del jig, diciamo nell’ultimo quarto. Mentre il Gekito ha una distribuzione del peso piu equa per tutta la lunghezza del jig. Il Cultiva KNI in italia possiamo acquistarlo in sei colorazioni.
Per quanto riguarda la tecnica dello Shore Jigging abbiamo a disposizione un range di tre grammature, 40, 60, e 80 grammi.
Il Cultiva KNI appartiene alla classe dei long jig.
Ha un’armatura estremamente robusta.
Le grafiche sono molto semplici ma comunque molto belle e funzionali, e la tenuta del colore è ottima, per sverniciarli ce ne vuole!!!
Estremamente catturante anche in caduta.
In conclusione, posso solo dire che il KNI è un jig che ci regalerà moltissime catture e ci darà moltissime soddisfazioni.
A parer mio un jig che non può mancare durante le nostre uscite a Shore Jigging.
Le lunghezze dei jig sono rispettivamente di:

40 g – 103 mm
60 g – 118 mm
80 g – 130 mm

Simone HiraMahi Aprile

Simone Aprile, classe '87, nato a Pisa, vive attualmente in provincia di Messina; è un pescatore sportivo, da sempre amante del mare e appassionato di pesca con le esche artificiali, handmade e fotografia. Inoltre è un lurebuilder e appassionato sfegatato di tutto ciò che ruota intorno alla costruzione fatta a mano di esche artificiali, dai materiali, alle esche finite realizzate da altri costruttori. Nel 2013 ha creato "Shore Jigging Italia" un sito internet contenente articoli di carattere informativo riguardo questa fantastica tecnica di pesca, poi assorbito e sostituito nel 2018 da "HiraMahi.it", che è stato creato per raccontare se stesso, le sue passioni e le sue attività attraverso articoli scritti e video, oltre a creare Blog & Vlog con tutorial, recensioni, interviste e news.

Lascia un commento